Tecnologia: quale chiavetta USB scegliere e come promuovere un’azienda con sostenibilità

“La rivoluzione digitale è tale perché la tecnologia è divenuta un ambiente da abitare, una estensione della mente umana, un mondo che si intreccia con il mondo reale e che determina vere e proprie ristrutturazioni cognitive, emotive e sociali dell’esperienza, capace di rideterminare la costruzione dell’identità e delle relazioni, nonché il vissuto dell’esperire.” – Tonino Cantelmi Continua a leggere Tecnologia: quale chiavetta USB scegliere e come promuovere un’azienda con sostenibilità

La mente tecno-liquida ai tempi di internet

Il prof Cantelmi propone nella rivista Psicologia Contemporanea un nuovo ed interessante articolo su “La mente tecno-liquida ai tempi di internet” in cui illustra le caratteristiche della “società incessante” in cui oggi viviamo, nonché il funzionamento del nuovo sistema cervello/mente digitale. Consulta la pagina per leggere l’anteprima. Continua a leggere La mente tecno-liquida ai tempi di internet

L’imaginaire de la Google generation criminelle : les profils Facebook des jeunes de la Camorra

“La google generation criminale: i giovani della camorra su Facebook” è il titolo di una ricerca che applica lo «sguardo storico» (Gruzinski, 2016) all’uso di Facebook da parte dei ragazzi affiliati ai clan di camorra o più generalmente di ragazzi borderline suggestionati dall’immaginario mafioso. Nel saggio l’autore descrive il fenomeno dell’iperconessione alla rete citando il prof. Cantelmi: “parliamo di una rivoluzione digitale perché la tecnologia è diventata un ambiente in cui vivere, un’estensione dello spirito umano, un mondo intrecciato con il mondo reale e che determina la vera ristrutturazione cognitiva, emotiva e sociale dell’esperienza, un mondo che può ridefinire la costruzione di identità e relazioni, nonché l’esperienza degli individui. Continua a leggere L’imaginaire de la Google generation criminelle : les profils Facebook des jeunes de la Camorra

Manovra, Bullismo e cyberbullismo: un milione per formare gli insegnanti

Il cyberbullismo è un fenomeno sociale complesso e nei prossimi anni sarà sempre più diffuso se consideriamo che – secondo i dati dell’indagine sul cyberbullismo e sull’utilizzo dei social, curata per il Moige dal Prof. Tonino Cantelmi dell’Università Europea di Roma – la generazione di ragazzi tra gli 8 e i 18 anni è super tecnologica e iperconnessa: l’81% afferma che tutti i dispositivi presenti a casa sono connessi ad internet e l’intero totale degli intervistati controlla i propri profili social online. Per rafforzare la lotta al fenomeno, la Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza ha approvato lo stanziamento di fondi per la formazione degli insegnanti in materia di bullismo, cyberbullismo e discriminazioni di genere. Continua a leggere Manovra, Bullismo e cyberbullismo: un milione per formare gli insegnanti

Identità tecno-liquide: l’amore e l’amicizia ai tempi di internet

Proponiamo la lettura di un interessante articolo del prof. Tonino Cantelmi dal titolo “Identità tecno-liquide: l’amore e l’amicizia ai tempi di internet” pubblicato sulla rivista “Insight” dell’Accademia delle Belle Arti di Roma. Il testo presentato sviluppa i temi legati alla mutevolezza dell’identità e della relazione nell’epoca tecnoliquida ed esplica le principali dimensioni estetiche che soddisfano alcuni bisogni dell’uomo post-moderno. Continua a leggere Identità tecno-liquide: l’amore e l’amicizia ai tempi di internet

Fake News: ci cascano otto ragazzi su dieci e i cyberbulli sono troppi

L’indagine sul cyberbullismo e sull’utilizzo dei social, coordinata dal prof. Cantelmi e condotta su un ampio campione di ragazzi tra gli 8 e i 18 anni, rivela che il 31% dei giovani ha compiuto almeno una volta atti di cyberbullismo facendo girare video imbarazzanti per prendere in giro i compagni e l’83% non verifica la veridicità dei contenuti che legge online. Il progetto del Moige “Giro dell’Italia: Centro mobile di sostegno e supporto per le vittime di bullismo e cyberbullismo” si propone come obiettivo di promuovere una maggiore consapevolezza delle problematiche legate all’utilizzo improprio del web, con particolare riferimento al fenomeno delle “fake news”. Continua a leggere Fake News: ci cascano otto ragazzi su dieci e i cyberbulli sono troppi

Fashion for Education – Seminario per genitori e formatori

 Roma, 10/11/2019 – Evento promosso da Fashion for Education 

Si svolgerà a Roma, il 10 novembre alle ore 12:30 presso Largo di Villa Massimo 1-2, il Seminario per genitori e formatori dal titolo “Connessi e isolati: La dipendenza dalla tecnologia e le sue illusioni”. Relatori le dott.sse Veronica Cantelmi e Beatrice Tittozzi.  Continua a leggere Fashion for Education – Seminario per genitori e formatori

Giovani e dipendenze. Un mercato troppo libero

Un’indagine del Moige, condotta dal prof. Cantelmi, sulle trasgressioni degli adolescenti inchioda il mondo degli adulti. Alcol, fumo, droga, giochi d’azzardo e contenuti pornografici sono alla portata dei minori. I divieti di vendita di questi prodotti, infatti, restano tali solo sulla carta. Nella realtà, per gli adolescenti non è un problema procurarsi alcol e fumo, accedere a scommesse e giochi con vincite in denaro. E, ancora più semplice è usare il web per trovare contenuti pornografici o acquistare videogiochi consigliati a un pubblico adulto. Continua a leggere Giovani e dipendenze. Un mercato troppo libero

Fa tappa a Roma la nuova campagna del Moige sul bullismo e cyberbullismo

Fonte: IL FARO del 01/10/2019 “Giro dell’Italia: Centro mobile di sostegno e supporto per le vittime di bullismo e cyberbullismo” è un progetto del Movimento Italiano Genitori. Da Facebook ad Instagram, il cyberbullismo si sposta ma non riduce la sua pericolosità: un ragazzo su tre (31%) ha dichiarato di essere stato un “cyberbullo” (ad esempio diffondendo video imbarazzanti dei compagni); In crescita le fake news: … Continua a leggere Fa tappa a Roma la nuova campagna del Moige sul bullismo e cyberbullismo

Perché crediamo negli oroscopi? La seduzione di accedere al futuro ed altri meccanismi psicologici

Perché crediamo negli oroscopi?

Che si tratti di arte o pseudoscienza, pochi riescono a resistere al fascinoso e seduttivo potere dell’astrologia.

Secondo quanto espresso dallo Psichiatra Tonino Cantelmi, il numero di persone che legge gli oroscopi aumenta vertiginosamente ad ogni inizio d’anno, raggiungendo una stima di 9 su 10. Sembra, dunque, che anche i più scettici, coloro che disdegnano o ridicolizzano questo genere di frivolezze, almeno una volta all’anno si lascino corrompere dalla curiosità di conoscere prima che accada ciò che il futuro riserverà loro. Vediamo, quindi, quali sono le recondite motivazioni che ci inducono in tentazione in questa forma di gioco collettivo. Continua a leggere Perché crediamo negli oroscopi? La seduzione di accedere al futuro ed altri meccanismi psicologici